Azienda ULSS 8 Berica - Regione del Veneto

Scheda prestazione

Rischio da agenti cancerogeni

Descrizione

L’esposizione professionale a sostanze cancerogene e mutagene è spesso sottostimata.

Il processo di valutazione di questo importante rischio lavorativo deve iniziare da una corretta identificazione delle sostanze che sono classificate R45 (può provocare il cancro), R49 (può provocare il cancro per inalazione), R46 (può provocare alterazioni genetiche ereditarie ).

I successivi passi da compiere consistono nella sostituzione, ove possibile, dell’agente cancerogeno o nel contenimento dell’esposizione dei lavoratori ai livelli più bassi possibili.

Nel caso l’esposizione non sia eliminabile, il datore di lavoro dovrà applicare quanto stabilito dal Capo II del D. Lgs. 81/08 tra le quali segnaliamo l’obbligo di compilare e trasmettere all’organo di vigilanza il Registro degli Esposti a cancerogeni.

Questo Servizio ha avviato nel luglio 2012 una campagna di informazione e promozione della salute nei confronti delle aziende in cui vengono, o possono essere, impiegate sostanze cancerogene. La documentazione che è riportata con la data “luglio 2012” si riferisce appunto a questa iniziativa. In queste sezioni, oltre che ritrovare le comunicazioni inviate alle aziende interessate, vengono inserite alcune schede di comparto (denominate Schede di Aiuto all’Individuazione - SAI), suddivise per tipologia produttiva, che elencano i possibili agenti cancerogeni o mutageni che possono essere identificati.

Vengono inoltre mantenuti due documenti, uno sul rischio chimico e uno su un incontro tecnico del 2005 in merito al rischio cancerogeno, che costituiscono comunque una preziosa fonte di informazioni.

Per maggiori informazioni rivolgersi allo SPISAL.

Allegati

Ultimo aggiornamento: 18/04/2014 13:14:21

Segnala un errore in questa pagina

:

: