Azienda ULSS 8 Berica - Regione del Veneto

Scheda Unità Operativa Complessa

Chirurgia Generale 1 di Vicenza

Dipartimento Strutturale Area Chirurgia Maggiore - Vicenza

Direttore: Dr. Francesco De Marchi

Dr. Oscar Banzato, Dr. Matteo Baseggio, Dr. Michele Bonomo, Dr.ssa Matilda Bushati, Dr.ssa Mirella Capalbo, Dr. Andrea Chimetto, Dr. Marco Cosci, Dr. Gianluigi Fusato, Dr.ssa Elena Goldin, Dr. Houshang Kalamian, Dr.ssa Silvia Laiti, Dr. Flavio Miola, Dr.ssa Sara Napetti, Dr. Franco Poli, Dr. Gian Maria Rossi, Dr. Giuliano Scalco, Dr. Gianni Segato, Dr. Domenico Vespa, Fabiola Iselle (Coordinatore Chirurgia Generale 1 di Vicenza), Carla Paiusco (Segreteria)

Descrizione

L'attività dell'Unità Operativa Complessa di Chirurgia generale è improntata a rispondere in maniera efficace e di qualità alla richiesta di prestazioni sanitarie del bacino di utenza di cui è Centro hub. Essa è svolta in regime di ricovero ed ambulatoriale, d’urgenza e programmata. L’attività in regime di ricovero si divide tra ricovero Ordinario (RO), di Week Surgery (WS) e di Day Surgery (DS). Il regime ordinario è appannaggio del Reparto Chirurgico dell’Ospedale San Bortolo, quello di Week- e Day- Surgery è svolto presso l’Ospedale di Noventa Vicentina. Queste ultime tipologie di ricovero sono previste per le prestazioni chirurgiche che non prevedono degenza notturna post-operatoria (DS), o comunque una degenza che si concluda entro il Venerdì (WS). Per quanto riguarda l’attività in regime di urgenza, l’Unità è attiva H 24, ed è centro hub per tutta la traumatologia maggiore dell’azienda.

Il Reparto di degenza dispone di 48 letti, in stanze da 2 e 4 letti.

L’Unità Operativa esegue un ampio ventaglio di prestazioni, che può rispondere in linea di massima a tutta la richiesta di prestazioni del bacino di utenza. L’attività è improntata ed organizzata per dare al paziente una risposta di alta qualità, seguendo le linee guida più recenti ed utilizzando attrezzature moderne e di comprovata efficacia e sicurezza. La maggior parte delle patologie, comunque tutte le patologie neoplastiche, sono trattate dalla diagnosi alla conclusione del trattamento, secondo quanto deciso nell’ambito di gruppi multidisciplinari. Questi sono dedicati ad una o più patologie simili, e sono costituiti da almeno una figura professionale di ogni disciplina coinvolta nella gestione dei casi in questione. Per la patologia neoplastica, ogni gruppo è generalmente costituito da Oncologo, Chirurgo, Radiologo, Radioterapista, Anatomo-patologo, Gastroenterologo, Endoscopista, cui si aggiungono altre figure professionali a seconda della tipologia di Tumore. Attualmente la discussione in ambito di gruppo multidisciplinare è svolta regolarmente per i tumori polmonari, della mammella, delle alte vie digestive, del sistema epato-bilio-pancreatico, del grosso intestino. In questi gruppi viene deciso il percorso terapeutico di ogni paziente, chirurgico o di altro tipo, preceduto o meno da trattamenti radio e/o chemioterapici cosiddetti “neo-adiuvanti”.

I settori specialistici sono così suddivisi:

  • Chirurgia del torace. Si occupa di malattie del polmone, dell'esofago e degli altri organi intratoracici. Vengono eseguiti interventi per patologia sia tumorale che benigna. L’approccio utilizzato è generalmente video-assistito. Per le resezioni polmonari, oltre alla tecnica video-assistita tri-portale, recentemente è stata introdotta la tecnica uni-portale, con un unico accesso di 3-5 centimetri di ampiezza.

  • Chirurgia colon-rettale. Si occupa di malattie benigne e maligne del colon e dell’ano-retto (tumori, polipi, diverticoli, ragadi, fistole, emorroidi). L’approccio chirurgico è generalmente mini-invasivo con accesso laparoscopico. Nei casi che lo richiedono (tumori del retto basso in pelvi poco accessibili dall’addome), all’accesso laparoscopico viene combinato un accesso per via transanale (TaTME). L’accesso transanale con rettoscopio operatore (TEO) è utilizzato anche per l’asportazione di voluminosi polipi del retto medio-basso.

  • Chirurgia dei trapianti di rene. Fin dagli anni '80 si eseguono trapianti di rene. In questo campo si è raggiunta un'alta qualità di prestazione, favorita dalla continua, totale collaborazione con l'Unità Operativa Complessa di Nefrologia del San Bortolo, un'eccellenza a livello mondiale. La Chirurgia Generale di Vicenza è stata tra i primi in Italia ad applicare la tecnica mini-invasiva nel prelievo di rene da donatore vivente a scopo di trapianto, che viene sempre effettuato in laparoscopia, con una piccola laparotomia sovra-pubica per l’estrazione del rene.

  • Chirurgia della mammella. Da molti anni attiva con metodologia multidisciplinare ed elevato volume di interventi. Coinvolge i colleghi Oncologi, Radioterapisti e Chirurghi Plastici ed effettua interventi conservativi, demolitivi, e ricostruttivi per tumore della mammella. È disponibile ed utilizzata la Radioterapia Intraoperatoria (IORT). Recentemente l’attività è stata aggregata alla Breast Unit Aziendale.

  • Chirurgica del pancreas-fegato-vie biliari tratta non solo la patologia comune delle vie biliari (calcoli e polipi della colecisti) ma soprattutto la patologia tumorale di questi organi.

  • Chirurgia dello stomaco e dell’esofago. Si interessa delle malattie dello stomaco e della giunzione esofago-gastrica (tumori maligni e benigni, patologia da reflusso gastro-esofageo). Anche in questo campo è ampiamente utilizzata la tecnica mini-invasiva laparo- e toracoscopica

  • Chirurgia dell'obesità patologica. È rivolta ai pazienti “grandi obesi” ed al momento è imperniata su tecniche di malassorbimento controllato (es. mini-Bypass laparoscopico).

La tipologia generale delle prestazioni chirurgiche è intesa a fornire ai pazienti il migliore risultato di cura insieme al minimo danno collaterale, sia in termini di invasività, che di estetica. Si fa quindi ampio uso delle metodiche cosiddette “mini-invasive”, che consentono breve degenza, miglior controllo del dolore post-operatorio, rapida ripresa delle comuni attività, minimo danno estetico.

In video-toracoscopia si asportano o trattano lesioni benigne e maligne del polmone, dell’esofago e del mediastino, ricorrendo a una o più piccole incisioni al posto dell’ampia toracotomia che si utilizzava in passato. Con la video-laparoscopia si eseguono ormai la maggior parte degli interventi chirurgici addominali (interventi sul colon, retto, stomaco, pancreas, surrene, fegato, milza etc.) e l’utilizzo del rettoscopio operatore consente di asportare localmente in sicurezza grossi polipi del retto o piccoli tumori precoci, che una volta avrebbero richiesto la resezione dell’intero tratto di intestino coinvolto.

L’utilizzo del protocollo di trattamento peri-operatorio ERAS, nato per la chirurgia colo-rettale, ed ormai esteso alla gran parte dei pazienti trattati dall’Unità operativa, favorisce un decorso peri-operatorio con meno complicanze di ordine generale, più veloce e con una più rapida ripresa delle comunioccupazioni.

Per quanto riguarda la patologia della mammella sono quattro i Chirurghi dedicati che prendono in carico la paziente nell’ambulatorio Senologico e la seguono fino al completamento del percorso terapeutico. Il piano di cura viene sempre concordato con i Colleghi Oncologi e Radioterapisti. Particolare attenzione viene posta nella pianificazione dell’intervento in modo da ottenere il miglior risultato cosmetico a parità di efficacia terapeutica. L’utilizzo di tecniche anestesiologiche loco regionali consente poi un ottimo controllo del dolore negli interventi maggiori ed una rapida e precoce dimissione delle paziente negli interventi conservativi, dove è prevista la degenza di una sola notte. Particolare esperienza è stata acquisita dagli specialisti nella radioterapia intraoperatoria che, grazie alla disponibilità di un acceleratore mobile, consente a pazienti selezionate di effettuare tutto o una parte delle 20-30 sedute normalmente previste durante l’intervento chirurgico.

L’attività chirurgica che viene effettuata in regime Ambulatoriale è costituita prevalentemente dal trattamento delle ernie inguino-crurali, ombelicali, delle varici, e dalla proctologia (fistole anali, emorroidi, ragadi ecc.). Viene svolta presso l’Ospedale di Noventa Vicentina, sede nella quale vengono effettuati anche gli interventi di Week Surgery, che sono costituiti prevalentemente dalla colecistectomia per calcolosi della colecisti, plastiche di ernie post-operatorie (laparoceli), interventi che prevedono una dimissione entro il venerdì.

Recapiti e punti di erogazione

Chirurgia Generale 1 - Segreteria

viale Rodolfi, 37 - 36100 Vicenza
Area C - Piano 6°

Orario: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9.00 alle 13.00

Telefono: 0444 75-3803

Fax: 0444 75-2482

Chirurgia Generale 1 - Reparto di degenza

viale Rodolfi, 37 - 36100 Vicenza
Area C - Piano 6°

Telefono: 0444 75-3800 Sezione 1

Telefono: 0444 75-3801 Sezione 1 - Coordinatore sez 1

Telefono: 0444 75-3805 Sezione 2

Telefono: 0444 75-3807 Sezione 2 - Coordinatore sez 2

Poliambulatorio Ospedaliero di Vicenza - Chirurgia Generale 1 - Ambulatorio

contrà San Bortolo 16 - 36100 Vicenza
Area L (Chiostro) - 1° Piano

Altre attività

Incarichi di Alta Specializzazione:

  • Alta Specializzazione "Chirurgia dei trapianti di rene" - Responsabile: Dr. Oscar Banzato
  • Alta Specializzazione "Chirurgia Colon rettale" - Responsabile: Dr. Domenico Vespa
  • Alta Specializzazione "Chirurgia laparoscopica addominale" - Responsabile: Dr. Roberto Cola
  • Alta Specializzazione "Chirurgia ambulatoriale e day surgery" - Responsabile: Dr. Gianluigi Fusato
  • Alta Specializzazione "Chirurgia esofago gastrica" - Responsabile: Dr. Flavio Miola
  • Alta Specializzazione "Chirurgia dell'obesità patologica" - Responsabile: Dr. Gianni Segato

Allegati

Ultimo aggiornamento: 06/08/2019 09:13:50

Segnala un errore in questa pagina

:

: