Azienda ULSS 8 Berica - Regione del Veneto

Scheda prestazione

Emodialisi Extracorporea - Distretto Est

In carico a: Nefrologia di Vicenza

Descrizione

L’emodialisi extracorporea è uno dei due tipi di trattamento in grado di garantire la depurazione del sangue. Permette inoltre la eliminazione dei liquidi in eccesso che si accumulano nel suo organismo mano a mano che la diuresi si riduce.

Come avviene la emodialisi?

Nell’emodialisi extracorporea la depurazione avviene facendo passare il sangue attraverso un dializzatore nel quale è contenuto un liquido opportunamente preparato. Per ottenere una adeguata quantità di sangue è necessario che una arteria e una vena vengano preparate mediante un piccolo intervento chirurgico ottenendo quella che si chiama fistola artero-venosa. Per eseguire la dialisi è necessario inserire due aghi nella fistola: gli aghi sono poi collegati a tubi di plastica che, mediante una pompa, convogliano il sangue al dializzatore e lo reimmettono, dopo averlo depurato, nell’organismo. In alcuni pazienti per problemi di vasi, l’accesso vascolare è rappresentato da un catetere posizionato in una grossa vena.

Come il dializzatore depura il sangue?

Il dializzatore è composto da due parti, una per il sangue e una per il liquido di dialisi. Le due parti sono separate da una sottile membrana che lascia passare le tossine dal sangue al liquido di dialisi e sostanze di cui l’organismo ha bisogno dal liquido di dialisi al sangue.

Alcuni problemi legati allo stato uremico

Anemia: con la perdita progressiva della funzione renale si sviluppa uno stato anemico alla cui origine partecipano numerosi fattori dei quali i più importanti sono la malnutrizione e la ridotta produzione di Eritropoietina da parte dei reni malati. Una volta iniziata la dialisi è infatti di particolare importanza l’adeguata introduzione di cibi ricchi di proteine: carne di qualsiasi tipo, pesce e uova sono perciò necessari a differenza di quanto avveniva in fase predialitica. Oltre a ciò può essere necessaria la somministrazione a fine dialisi di Eritropoietina esogena associata o meno a ferro.
Fosforo: la dialisi è insufficiente a rimuovere tutto il fosforo introdotto con i cibi. É perciò necessario assumere con regolarità durante i pasti dei farmaci che legano il fosforo nell’intestino non permettendone l’assorbimento con conseguente eliminazione con le feci. L’assunzione di questi farmaci è spesso trascurata dai pazienti ed è invece di vitale importanza per evitare gravi complicanze cardiovascolari e alterazioni del metabolismo osseo.
Potassio: anche l’eliminazione di potassio si riduce con l’aggravarsi dell’insufficienza renale con conseguente tendenza all’innalzamento dei valori nel sangue. E’ pertanto importante limitare l’assunzione di cibi (frutta e verdura) che ne sono particolarmente ricchi. L’iperpotassiemia può avere importanti conseguenze sul ritmo cardiaco.

Vaccinazione anti Epatite B
Qualora il paziente non risulti portatore di anticorpi verso l’Epatite B (spontaneamente o perché già vaccinato), è consigliabile che venga vaccinato con le opportune preparazioni fornite dal servizio territoriale.

Modalità di accesso

Documenti necessari per la prenotazione: Impegnativa, Tessera sanitaria regionale (cartoncino), Tessera sanitaria europea (TEAM)

Documentazione

Ritira sempre il referto entro e non oltre 30 giorni dalla data prevista di consegna, anche se il medico ne ha già preso visione.

ATTENZIONE: In caso di mancato ritiro si è tenuti a pagare per intero la prestazione usufruita anche se esenti  (DGRV n.600 del 13/03/2007)

Domande frequenti (FAQ)

D: Quanto dura l’emodialisi?

R: In genere, una seduta dialitica dura dalle tre alle quattro ore per tre volte alla settimana. Il medico prescrive il tipo di metodica e la durata ottimale per ciascun paziente tenendo conto di:

  • quanto funzionano ancora i reni
  • quanti liquidi si accumulano nell’organismo
  • livelli di tossine nell’organismo
  • peso corporeo di base

Dopo un periodo di stabilizzazione, fornendo una dose  dialitica adeguata, buona parte dei sintomi presenti prima dell’inizio del trattamento tendono a scomparire.
Per assicurare sempre una corretta dose di dialisi vengono periodicamente controllati alcuni esami che sono individuati come indici di adeguatezza dialitica: il più comune è il Kt/V.
Le modifiche delle condizioni cliniche possono rendere necessarie variazioni nella durata, tipo e dose di trattamento. E’ molto importante per ottenere una buona depurazione: osservare tutte le prescrizioni dialitiche e rispettare il tempo prescritto.

D: Quali complicanze possono intervenire?

R: Durante il trattamento dialitico si possono individuare due tipi di complicanze:

  1. Complicanze legate all’accesso vascolare: malfunzionamento, sanguinamento, infezione, ematoma.
  2. Complicanze più frequenti durante la seduta dialitica:
  • ipotensione:frequentemente legata all'eccessiva sottrazione di liquidi durante la seduta.Può essere di gravità variabile e manifestarsi con semplice malessere fino ai casi più gravi conperdita di conoscenza ed arresto cardiaco.
  • ipertensione stabile o a crisi aritmie cardiache spesso legate a squilibri elettrolitici
  • anemizzazione acuta conseguente a perdite ematiche con il circuito o per disconnessione dell’accesso vascolare
  • ipoglicemia

Oltre a quelle citate potranno verificarsi molte altre complicanze che verranno affrontate prontamente dal personale medico ed infermieristico dedicato alla assistenza del paziente.

D: Dove si esegue la dialisi?

R: La dialisi viene condotta in centro dialisi dove sono predisposte le apparecchiature per i trattamenti e i letti bilancia dove far accomodare i pazienti durante il trattamento. Un gruppo di infermieri professionali si prenderà cura non solo della gestione tecnica del trattamento, ma sarà anche a disposizione dei pazienti per ogni evenienza clinica. Il medico, oltre a prescrivere il trattamento più indicato per ciascun paziente, provvederà a visite periodiche e sarà comunque a disposizione per qualsiasi emergenza avvenisse durante il trattamento.

Recapiti

Nefrologia - Emodialisi Extracorporea

viale Rodolfi, 37 - 36100 Vicenza
Area F - Piano terra

Telefono: 0444 75-3867 dal Lunedì al Venerdì dalle 08.00 alle 15.00

Fax: 0444 75-3867

Telefono: 0444 75-3672 (Sala Dialisi) dal Lunedì al Venerdì dalle 08.00 alle 20.00

Email: segreteria.emodialisi@aulss8.veneto.it

Nefrologia - Segreteria

viale Rodolfi, 37 - 36100 Vicenza
Area F - Piano 1°

Orario: dal Lunedì al Venerdì dalle 8.00 alle 13.00 e dal Lunedì al Giovedì dalle 14.00 alle 16.00

Telefono: 0444 75-3650

Fax: 0444 75-3973

Email: segreteria.nefrologia@aulss8.veneto.it

Sito web: www.nefrologiavicenza.it

Segnala un errore in questa pagina

:

: